/ Attualità

Che tempo fa

Attualità | 19 febbraio 2021, 00:01

Soldi in cambio del silenzio sulle frequentazioni a luci rosse in Ticino: italiano fermato dalla polizia cantonale

La richiesta poteva arrivare a 2.000 franchi e prevedeva il pagamento anche in criptovalute. Fermato un 37enne: è accusato di estorsione

Soldi in cambio del silenzio sulle frequentazioni a luci rosse in Ticino: italiano fermato dalla polizia cantonale

E' sospettato di aver chiesto denaro ai clienti di locali a luci rosse ticinesi in cambio del silenzio sulle loro "frequentazioni notturne", italiano finisce nei guai. Il Ministero pubblico e la Polizia cantonale, nell'ambito di un'indagine finalizzata a far luce su una serie di tentativi di estorsione ai danni di clienti di locali a luci rosse, hanno fermato e interrogato un 37enne cittadino italiano domiciliato nel Luganese. 

L'inchiesta è nata a seguito di alcuni scritti in cui il destinatario veniva esortato a versare entro un lasso di tempo di pochi giorni una cifra variante tra i 500 e i 2.000 franchi in cambio del silenzio sulle sue frequentazioni notturne. Le missive contenevano in particolare una serie di istruzioni per procedere al pagamento di quanto richiesto in criptovalute.

L'articolata attività investigativa messa in atto dalla Polizia cantonale ha quindi permesso di risalire all'identità del sospetto autore. La principale ipotesi di reato a suo carico è quella di estorsione. L'inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis. 

R.G.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore