/ Attualità

Attualità | 12 novembre 2021, 11:00

Isole di Brissago: una stagione da incorniciare (Fotogallery)

Conclusasi il 7 novembre, ha registrato un record di affluenza, con un numero complessivo di visitatori che ha sfiorato le 130 mila presenze. Una cifra a ancor più significativa se considerata nell’ottica dell’operazione di rilancio dell’intero comparto, a poco meno di due anni dal suo passaggio di proprietà al Cantone Ticino

Isole di Brissago: una stagione da incorniciare (Fotogallery)

Centotrentamila presenze: un risultato importante che è stato conseguito approfittando della forte presenza di turisti confederati e stranieri, ed è stato reso possibile dal grande impegno profuso da parte del DT, in particolare dalle collaboratrici e dai collaboratori delle Isole di Brissago e dagli esercenti che gestiscono l’albergo e il ristorante di Villa Emden, che hanno gestito al meglio le restrizioni sanitarie imposte al settore.

Il traguardo registrato è anche frutto della progressiva estensione della durata della stagione turistica sul bacino svizzero del Lago Maggiore. Nella fattispecie, la stessa è resa possibile dalla stretta e proficua collaborazione con la Società Navigazione del Lago di Lugano (SNL) che garantisce i collegamenti lacustri sul bacino svizzero del Lago Maggiore. ln questo senso, la frequenza degli approdi, aumentata rispetto al 2020 e, più in generale, la flessibilità dimostrata, ha consentito di offrire ai turisti in visita un servizio di qualità e sempre più apprezzato.

Vanno inoltre sottolineate le numerose altre collaborazioni, che si sono rivelate molto positive: con l’Azienda turistica ticinese (ATT con Ticino Ticket e il progetto «Vivi il tuo Ticino», con l’Organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli (OTRLV), con i campeggi della zona di Tenero, con i Comuni rivieraschi e con gli altri Dipartimenti dell’Amministrazione cantonale.    

I progetti in vista della stagione 2022

Tra i progetti più significativi che caratterizzeranno la stagione 2022 delle Isole di Brissago si segnalano in particolare: quello, attualmente in corso, volto a continuare a garantire nonché a migliorare ulteriormente, in termini d’infrastruttura, l’accessibilità alle persone diversamente abili e la ripresa, in occasione dell’imminente stagione invernale, dei lavori di manutenzione e messa in sicurezza. Inoltre, con l’entrata in carica, lo scorso mese di agosto, del nuovo responsabile scientifico del Giardino botanico, verrà data continuità alla valorizzazione di questo immenso patrimonio naturalistico, a partire dall’aggiornamento della catalogazione delle specie presenti, ma anche dell’etichettatura e della cartellonistica. Sono inoltre previsti investimenti per la sua salvaguardarla e ampliamento.

Sviluppo dell’offerta didattica rivolta alle scuole

Durante la stagione appena conclusasi, sono state accolte una sessantina di classi delle scuole dell’obbligo, per un totale di oltre mille allievi, che hanno potuto scoprire gli aspetti naturalistici, storici e culturali del Giardino botanico e delle Isole. Adottando diversi approcci alla natura, gli allievi sono diventati dei veri e propri naturalisti in erba: hanno esplorato il Giardino con i loro sensi, hanno successivamente seguito le orme della baronessa di St. Léger e, infine, sono andati alla scoperta delle strategie segrete che le piante adottano per crescere nelle condizioni più disparate.

La stagione 2022 sarà caratterizzata, in particolare, dall’ulteriore sviluppo dell’offerta didattica, e, più in generale, dalla messa in rete delle Isole e del loro patrimonio botanico e scientifico con tutti i settori della formazione. Accanto a ciò è previsto lo sviluppo dell’aspetto di ricerca che sarà prettamente legato alla conservazione delle specie.

L’intervento di eradicazione delle specie alloctone invasive

Tra il mese di febbraio e quello di marzo, si è svolta sull’Isolino (Isola dei conigli) la prima fase di un intervento di eradicazione totale delle specie alloctone invasive. All’attività, condotta dai selvicoltori del Demanio forestale del DT, hanno partecipato anche allievi dell’Istituto delle Scuole Speciali Cantonali del Sopraceneri, a stretto contatto con l’Associazione Isola dei conigli, accompagnati dai loro docenti. Quest’operazione di ripristino, che rientra nel contesto della valorizzazione delle Isole, mira principalmente a dare continuità alla presenza sull’Isolino della vegetazione tipica delle sponde del Lago Maggiore e persegue il principio della sostenibilità ambientale e sociale. In quest’ottica, il progetto di eradicazione totale delle specie alloctone invasive consente, da una parte, di operare a costi contenuti e, dall’altra, di coinvolgere gli allievi delle Scuole Speciali Cantonali del Sopraceneri in una nuova attività da svolgere sull’Isolino; un luogo nel quale già operano periodicamente nell’ambito di laboratori pratici mirati, e nella gestione della casa/ostello. Nel caso specifico, nell'ambito dell'orientamento professionale svolto dalle Scuole Speciali, un allievo interessato alla professione di selvicoltore ha potuto lavorare a stretto contatto con i professionisti per tutta la durata dell'intervento.

Si ricorda, infine, che il DT non punta, ad ogni modo, sulla quantità di turisti presenti sulle Isole di Brissago, quanto piuttosto sulla qualità dell’offerta. Negli ultimi due anni sono state perciò riorganizzate e strutturate le visite guidate, ora disponibili sia gratuitamente, in formato breve, sia a pagamento. Inoltre, a partire dalla scorsa estate, sono state introdotte visite guidate per ciechi e ipovedenti, organizzate in collaborazione con l’Associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana (Unitas).

R.G.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore