/ Attualità

Attualità | 17 novembre 2021, 09:00

Il 28 novembre i cittadini svizzeri si esprimono su tre quesiti: oggi ci occupiamo di quello relativo alla designazione dei giudici federali tramite sorteggio

La ragioni del “NO” e del “SI”

Il 28 novembre i cittadini svizzeri si esprimono su tre quesiti: oggi ci occupiamo di quello relativo alla designazione dei giudici federali tramite sorteggio

Attualmente i giudici federali sono eletti, ogni sei anni, dal Parlamento. Quest’ultimo bada a che le forze politiche siano equamente rappresentate (rappresentanza proporzionale dei partiti). Per i promotori dell’iniziativa questa procedura di elezione mina l’indipendenza dei giudici. Inoltre essi criticano il fatto che chi non è membro di un partito non ha alcuna possibilità di essere eletto.

L’iniziativa sulla giustizia vuole introdurre una nuova procedura di elezione in base alla quale i giudici del Tribunale federale sarebbero designati mediante sorteggio. L’ammissione al sorteggio sarebbe decisa da una commissione peritale. Solo i candidati considerati idonei a esercitare la funzione di giudice dal punto di vista professionale e personale potrebbero partecipare al sorteggio. In seno al Tribunale federale andrebbe inoltre garantita l’equa rappresentanza delle lingue ufficiali. I giudici federali potrebbero rimanere in carica fino a cinque anni dopo aver raggiunto l’età ordinaria di pensionamento.

Contrariamente a oggi, non dovrebbero più sottoporsi a una procedura di rielezione. Il Parlamento avrebbe comunque la possibilità di destituire un giudice in caso di violazione grave dei suoi doveri d’ufficio o di perdita durevole della capacità di esercitare la sua funzione.

La domanda che figura sulla scheda: “Volete accettare l’iniziativa popolare “Per la designazione dei giudici federali mediante sorteggio (Iniziativa sulla giustizia)”?

Il Consiglio federale e del Parlamento invitano a votare “NO”

Il Consiglio federale e il Parlamento ritengono che per la designazione dei giudici federali la procedura di sorteggio sia inadeguata, poiché si basa sul caso e non su un’elezione democratica. Inoltre, non vi sono elementi che facciano dubitare dell’indipendenza dei giudici federali. Il sistema attuale si è dimostrato valido.

Il comitato d’iniziativa invita a votare “SI”

Secondo il comitato, per i giudici federali è oggi molto difficile decidere in maniera indipendente poiché su di loro pesa la minaccia di una non rielezione. I candidati senza partito non hanno inoltre nessuna possibilità di essere eletti. L’iniziativa sulla giustizia intende correggere queste derive.

 

R.G.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore