/ Canton Ticino

Canton Ticino | 08 agosto 2022, 14:42

Camion italiano con freno rotto sulle strade del Canton Ticino: scatta lo stop della polizia cantonale

Una serie di controlli sono stati disposti dalla polizia cantonale per quanto riguarda il traffico pesante

Camion italiano con freno rotto sulle strade del Canton Ticino: scatta lo stop della polizia cantonale

Camion con freno rotto sulle strade del Canton Ticino. Lo scorso 2 agosto, in territorio di Giornico, durante un controllo della circolazione effettuato nell'ambito della formazione degli assistenti di polizia che opereranno nel costruendo Centro di controllo veicoli pesanti (CCVP) - la cui inaugurazione è prevista nel dicembre 2022 - è stato bloccato un camion autoarticolato con targhe italiane.

Le verifiche sul mezzo pesante hanno permesso di accertare che il disco frenante dell'asse centrale (lato sinistro) del semirimorchio era spezzato in due sulla linea verticale a causa di un probabile surriscaldamento della superficie di contatto. Alla luce di questo serio difetto è stato incassato un importo a copertura delle spese pari a 650 franchi ed è stato impedito al mezzo di continuare il viaggio sino a quando una ditta specializzata ha provveduto alla revisione completa dell'impianto frenante. 

Dal 1. luglio, su tutto il territorio cantonale, è stata allestita una trentina di analoghe postazioni puntuali di controllo. Gli approfondimenti hanno interessato in particolare 66 autoarticolati/veicoli pesanti e sono state emanate oltre 30 contravvenzioni (a seconda della gravità: multe disciplinari, incasso di un importo a copertura delle spese o procedura ordinaria). Le principali infrazioni hanno riguardato problematiche legate allo stato difettoso dei freni (semirimorchio, rimorchio o veicolo), al superamento delle ore di guida consentite e alla manipolazione scorretta del cronotachigrafo.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore