/ Attualità

Attualità | 11 agosto 2022, 15:23

Lampeggianti accesi, il Canton Ticino risponde a Sgarbi: «Non tornerà in Svizzera? Qui i deputati non hanno le auto blu»

Norman Gobbi, responsabile leghista del dicastero di Giustizia e Polizia del Canton Ticino, replica alle accuse del critico d'arte multato a Chiasso che aveva detto che non sarebbe più tornato nella Confederazione: «Questa è la Svizzera, signor Sgarbi: qui le regole sono regole»

Lampeggianti accesi, il Canton Ticino risponde a Sgarbi: «Non tornerà in Svizzera? Qui i deputati non hanno le auto blu»

Vittoria Sgarbi chiama, il Canton Ticino risponde. E si sfiora quasi l'incidente diplomatico. Non si placa la polemica innescata dalla rabbia del noto critico d'arte la cui auto, di ritorno dal Festival di Locarno alcuni giorni fa, aveva azionato il lampeggiante ancora in territorio elvetico, venendo fermato al valico autostradale di Chiasso-Brogeda dalla polizia cantonale e multato (leggi QUI). 

Una contravvenzione da circa 500 franchi che aveva fatto andare su tutte le furie Sgarbi, che in un video, poi rimosso, oltre a prendersela con i poliziotti ticinesi aveva dichiarato: «Si può stare nella propria vita senza andare in Svizzera. Non ci andrò più».

A qualche giorno dalle polemiche non si è fatta attendere la replica di Norman Gobbi, responsabile leghista del dicastero di Giustizia e Polizia del Canton Ticino, che ha risposto per le rime al critico d'arte: «Questa è la Svizzera e il Canton Ticino signor Sgarbi - le parole di Gobbi - dove i deputati non hanno auto blu e men che meno dotate di lampeggianti prioritari. Le regole sono regole».

 

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore