/ Attualità

Attualità | 24 marzo 2021, 08:58

Bellinzona, la preoccupazione della Lega: “Assembramenti e disagio giovanile: come sta intervenendo il Municipio?"

Sei domande di Lella Guscio, della Lega dei Ticinesi

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Dopo una breve analisi del momento non facile che in questo momento un po’ tutto il mondo sta vivendo, Lella Guscio, della Lega dei Ticinesi, ha posto una serie di domande al Municipio di Bellinzona mettendo nel mirino atti di violenza, vandalismi e sempre crescenti assembramenti di molte persone – perlopiù giovani – spesso e volentieri senza mascherine anti contagio.

Ecco il suo documento.

Le cronache degli ultimi mesi condizionati dalla pandemia e dalle misure restrittive hanno purtroppo riportato un aumento della violenza nel Cantone come pure in Città sfociato in risse, in attacchi fisici contro persone e in vandalismi. Gli assembramenti di parecchie decine di persone le quali spesso non portano le mascherine di protezione sono diventati ormai un appuntamento fisso in determinate ubicazioni, in particolar modo durante i fine settimana. Seppur sia comprensibile che in questo delicato momento le persone, specialmente i giovani, cerchino una valvola di sfogo e desiderino tornare presto alla normalità, alle attività svolte prima della pandemia e alla socializzazione, mi permetto di sottoporvi le seguenti domande:

  1. Nell'attesa dell'assunzione di due, eventualmente uno, operatori di prossimità come votato in Consiglio comunale lo scorso anno, che misure ha previsto il Municipio per ridurre al minimo gli atti violenti’?
  2. Sono previste delle azioni puntuali mirate ai giovani per coinvolgerli in un dialogo sereno con le Autorità?
  3. Reputa il Municipio che si possa seguire l'esempio di altre città ticinesi introducendo l'obbligo di portare la mascherina in determinate zone di Bellinzona?
  4. Nel caso di risposta positiva alla domanda 3, in che modo verrebbero sanzionati coloro che non osservassero tale obbligo?
  5. Oltre a controlli regolari all’esterno dei locali pubblici, come intende intervenire il Municipio sugli assembramenti sempre più numerosi e importanti in quanto a numero di persone?
  6. Crede il Municipio che, come “extrema ratio”, sia perlomeno da discutere la possibilità di introdurre un coprifuoco?

G.B.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore