/ Lugano

Lugano | 17 novembre 2021, 11:00

Lugano, riduzione delle tariffe per i sacchi dei rifiuti

Lo sconto arriverà sino a 1,15 franchi svizzeri per il sacco da 200 litri

Lugano, riduzione delle tariffe per i sacchi dei rifiuti

L'Esecutivo ha approvato l'ordinanza municipale sull'adeguamento delle tasse sui rifiuti per l'anno 2022. Le tariffe di vendita dei sacchi ufficiali della Città di Lugano saranno riviste al ribasso. La tassa causale sarà ridotta al minimo di legge consentito mentre quella di base resterà invariata.

La legge sulla raccolta dei rifiuti entrata in vigore nel 2020 prevede che le due tasse relative allo smaltimento (quella base e quella causale) debbano coprire integralmente i costi prodotti. Dopo un'attenta analisi delle spese sostenute dalla Città di Lugano negli ultimi anni, tenuto conto della riduzione delle tariffe di smaltimento praticate dall'Azienda cantonale dei rifiuti (ACR), il Municipio ha stabilito di poter diminuire la tassa sul sacco per l'anno 2022 al minimo di legge.

La copertura dei costi di smaltimento sarà comunque garantita.

Le tariffe di vendita dei sacchi dei rifiuti ufficiali della Città di Lugano, a partire dal 1°gennaio 2022, saranno le seguenti:

  • sacco da 17 litri 0.45 franchi al pezzo (10 centesimi in meno rispetto alla tariffa attuale)
  • sacco da 35 litri 0.90 franchi al pezzo (20 centesimi in meno rispetto alla tariffa attuale)
  • sacco da 60 litri 1.55 franchi al pezzo (35 centesimi in meno rispetto alla tariffa attuale)
  • sacco da 110 litri 2.80 franchi al pezzo (65 centesimi in meno rispetto alla tariffa attuale)
  • sacco da 200 litri 5.15 franchi al pezzo (1,15 franchi in meno rispetto alla tariffa attuale)

La tassa base resterà invece invariata (50 franchi per la residenza di una sola persona e 100 franchi per la residenza di 2 o più persone). Negli ultimi anni il principio di causalità, come pure le misure di ottimizzazione della logistica legata alla raccolta dei rifiuti e le campagne di sensibilizzazione promosse dalla Città di Lugano, hanno permesso di incrementare la differenziazione dei rifiuti, diminuendo di conseguenza la massa smaltita nel classico sacco della spazzatura. A fronte della diminuzione dei quantitativi di rifiuti solidi urbani che ha comportato una forte contrazione delle spese di smaltimento, i costi che gravano sulla tassa base non hanno subito, complessivamente, una diminuzione, tenuto conto dell'incremento delle raccolte separate e dei progetti pilota introdotti e consolidati. Su decisione del Municipio la tassa di base per l'anno 2022 resterà pertanto invariata.

L'ordinanza municipale entrerà in vigore il 1° gennaio 2022.

R.G.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore