/ Lugano

Lugano | 04 dicembre 2021, 10:01

Entrano nel vivo i lavori per il nuovo sottopasso di Lugano

Il progetto prevede la riorganizzazione del nodo e della viabilità nell'area della stazione e si prefigge di migliorare l'accessibilità sia con mezzi pubblici che privati alla stazione, nonché di facilitare la fruibilità pedonale dell’intero comparto

Entrano nel vivo i lavori per il nuovo sottopasso di Lugano

Si sta concludendo la fase preparatoria e stanno entrando nel vivo i lavori per la realizzazione del nuovo sottopasso pedonale e per la riorganizzazione del piazzale di Besso, nell’ambito del più ampio progetto di rinnovo del comparto della stazione di Lugano (StazLu1). Da inizio gennaio 2022 non sarà pertanto più agibile il vecchio sottopasso pedonale di Besso, mentre il posteggio ex Pestalozzi sarà chiuso per far spazio all'area di cantiere.

Un anno fa si inaugurava la galleria di base del Monte Ceneri e da allora l'offerta dei trasporti pubblici ticinesi è divenuta più veloce, più frequente e più estesa. L'ampliamento e il potenziamento dei trasporti pubblici, tuttavia, non si sono fermati con la nuova galleria, ma proseguono su più fronti.

La stazione FFS di Lugano è uno dei principali nodi della mobilità in Ticino e da diversi anni l’area circostante è oggetto di un'intensa pianificazione, con numerosi progetti interconnessi e sviluppati in sinergia tra diversi partner, tra cui il Dipartimento del territorio, la Città di Lugano e le FFS.

Il progetto denominato StazLu1 prevede la riorganizzazione del nodo e della viabilità nell'area della stazione e si prefigge di migliorare l'accessibilità sia con mezzi pubblici che privati alla stazione, nonché di facilitare la fruibilità pedonale dell’intero comparto. Questo tenendo conto di molteplici fattori, tra cui l'aumento dell'utenza a seguito dello sviluppo del sistema ferroviario regionale, l'apertura delle gallerie di base del San Gottardo e del Monte Ceneri, il potenziamento dell’infrastruttura ferroviaria complementare al progetto AlpTransit e la realizzazione della Rete tram-treno del Luganese.

L'intervento porrà inoltre le basi per le nuove edificazioni attorno all’area della stazione. Il nuovo sottopasso di Besso è una delle misure volte a migliorare la mobilità del comparto e l'interscambio dei trasporti pubblici presenti.

Da gennaio il “vecchio” sottopasso di Besso sarà chiuso

Dall'8 gennaio 2022 l'accesso al “vecchio” sottopasso sarà sbarrato dal lato Besso, per permettere ai lavori di realizzazione del nuovo manufatto di proseguire come da programma.

L'accesso dal parco del Bertaccio, come pure il collegamento tra il marciapiede 1 della stazione FFS di Lugano e il marciapiede 2, resteranno agibili almeno fino a febbraio. Per attraversare la stazione vi è il sottopasso centrale, accessibile da via Basilea anche con un nuovo e ampio lift. Da qui, per raggiungere il centro cittadino, ci sono sia la funicolare che la comoda e pratica scalinata che scende lungo il suo tracciato.

Chiude il posteggio ex Pestalozzi

La chiusura del posteggio ex Pestalozzi è anche prevista per l'8 gennaio 2022. L'avanzare dei lavori per il nuovo sottopasso e di quelli per la viabilità del piazzale di Besso porta alla chiusura di questo posteggio comunale nei pressi della stazione. Per chi non può raggiungere la stazione FFS di Lugano con i mezzi pubblici ma deve utilizzare la propria automobile per proseguire il viaggio in treno, resta a disposizione il P+Rail sia sul lato sud che sul lato nord del Piazzale stazione.

Quest'ultimo posteggio è stato in parte riorganizzato e ampliato negli scorsi mesi. Per moto, scooter e biciclette, da qualche mese sono inoltre disponibili nuovi stalli, in particolare su via Basilea e sul piazzale nord della stazione.

Una nuova viabilità per il piazzale di Besso

La sistemazione delle aree di cantiere per la realizzazione del nuovo sottopasso pedonale comporta inoltre la modifica della viabilità sul piazzale di Besso. Questi lavori entreranno nel vivo a gennaio 2022 e prevedono la modifica della geometria delle due corsie che da via Besso e da via Manzoni permettono di raggiungere, nelle due direzioni, via Sorengo e via Basilea. Per rendere sicuro il transito dei pedoni si realizzano nuovi camminamenti così

come un nuovo passaggio pedonale tra il piazzale di Besso e la stazione FFS. Inoltre, è previsto lo spostamento e l'adattamento della fermata bus delle linee Autopostale 435 e 436, mentre la linea 16 della TPL attesterà in futuro lungo la Via Basilea. Il cantiere, iniziato lo scorso settembre, dovrebbe terminare ad aprile 2022. L'accesso all'ecopunto ex Pestalozzi sarà sempre garantito. Si invita l'utenza a seguire scrupolosamente la segnaletica esposta e a prestare la massima attenzione nel transitare lungo l’area interessata dai lavori.

Una nuova area verde

Come comunicato a inizio novembre dal Municipio di Lugano, su gran parte della superficie del posteggio ex Pestalozzi, la città di Lugano prevede un inverdimento temporaneo, garantendo la permeabilità del suolo e mitigando il surriscaldamento delle aree. Tutti gli alberi presenti, tranne uno che si trova proprio nell’area del cantiere, saranno al momento mantenuti e, dove possibile, saranno piantati nuovi alberi e aiuole di piante perenni. Il parco temporaneo sarà fruibile almeno fino all’inizio del cantiere della discenderia tram/treno, pianificata per il 2024. È inoltre prevista l'apertura al pubblico del Parco Lucerna, di proprietà del Cantone, attualmente chiuso alla popolazione. Il Municipio di Lugano ha indirizzato al Consiglio comunale un Messaggio municipale per un credito di 400’000 franchi per la realizzazione dei lavori che porteranno ad aumentare la fruizione di aree verdi in vicinanza della stazione FFS.

R.G.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore