/ Attualità

Attualità | 28 marzo 2022, 14:00

Riguardami: una nuova campagna per promuovere il bon ton ciclopedonale a Lugano

Per invitare ciclisti e pedoni al rispetto reciproco, ricordando come cortesia e attenzione siano necessarie per usufruire degli spazi ciclopedonali comuni con tranquillità e sicurezza

Riguardami: una nuova campagna per promuovere il bon ton ciclopedonale a Lugano

Siccome ha il merito di favorire la salute e l'ambiente e di contribuire a decongestionare la rete stradale, la mobilità lenta è oggi un elemento chiave delle strategie di mobilità sostenibile sulle distanze brevi.

Il crescente successo delle due ruote comporta però anche delle criticità legate alla convivenza non sempre facile tra gli utenti. Perciò il Dipartimento del territorio (DT) ha lanciato la campagna di sensibilizzazione "Riguardami", per invitare ciclisti e pedoni al rispetto reciproco, ricordando come cortesia e attenzione siano necessarie per usufruire degli spazi ciclopedonali comuni con tranquillità e sicurezza.

Per fare ciò, sulle tratte cantonali segnalate come sensibili, sono state riprodotte sull'asfalto delle grafiche raffiguranti il logo di "Riguardami" accompagnate da una cartellonistica verticale riportante alcune semplici regole di bon ton ciclopedonale.

Nella nostra città i punti con il logo di Riguardami sono dislocati nel percorso ciclopedonale lungo Riva Antonio Caccia, nonché tra Davesco e Cadro, lungo il nuovo percorso ciclopedonale sul vecchio sedime del tram Lugano-Cadro-Dino.

Alla presentazione della campagna, avvenuta a Muzzano, sono intervenuti Claudio Zali, Direttore del DT, Tiziano Bonoli, Capoufficio della mobilità lenta e del supporto, Filippo Lombardi, Presidente della Commissione regionale dei trasporti del Luganese e Municipale di Lugano, Verena Hochstrasser, Sindaca di Muzzano, Andrea Bernardazzi, Sindaco di Collina d'Oro.

R.G.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore