/ Eventi

Eventi | 13 novembre 2022, 16:40

“Mata Hari, spia o ballerina?”, nuovo spettacolo per la Compagnia Paravento

Andrà in scena a Locarno al Teatro Paravento venerdì 18 novembre

“Mata Hari, spia o ballerina?”, nuovo spettacolo per la Compagnia Paravento

Mata Hari, spia o ballerina?” è il titolo del nuovo spettacolo prodotto dalla Compagnia Paravento e che andrà in scena a Locarno, al Teatro Paravento, venerdì 18 novembre alle ore 19. La rappresentazione sarà replicata sabato 19 novembre, ore 19, e domenica 20 novembre alle ore 17.

“La nostra creazione -spiega la Compagnia- , ripercorre i momenti salienti della vita della famosa ballerina olandese Mata Hari, in realtà Margaretha Geertruida Zelle, che fu fucilata a Parigi il 15 ottobre 1917, in piena prima guerra mondiale, con l’accusa di essere una spia doppiogiochista che prestava servizio sia alla Germania che alla Francia.

La sua tragica storia è colma di mistificazioni. Le ragioni date dai militari francesi per condurla davanti al plotone di esecuzione, sono da ricercare, secondo gli storici militari della Grande Guerra, nella pura e crudele “ragione di stato”. Un capro espiatorio perfetto in una Francia che proprio in quel 1917 stava vivendo diverse sconfitte. 

Il giudice André Mornet, che presiedette il tribunale che condannò l’artista, dichiarò anni più tardi: 'In tutta sincerità, le prove contro Mata Hari, erano talmente risibili che non sarebbero servite neppure a frustare un gatto'. Il nostro lavoro vuole essere un poema epico che ridia dignità alla donna e all’artista Mata Hari. Una sorta di 'riabilitazione simbolica', che ci permettiamo di concederle a più di un secolo della sua morte”.

Testo e regia Miguel Ángel Cienfuegos. Con Luisa Ferroni, Isabella Giampaolo e Davide Gagliardi. Costumi e scenografia Deborah Erin Parini.

Per informazioni e dettagli https://teatro-paravento.ch

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore