/ Politica

Politica | 28 novembre 2022, 18:25

Frontalieri, trattamento fiscale al 5% e ristorni assicurati ai Comuni di confine

Il senatore Borghi (Pd): “Riconosco volentieri al Governo in carica il merito di aver sbloccato la situazione. Spero che si riconosca anche il lavoro fatto in Parlamento da me ed altri colleghi nella passata legislatura”

Frontalieri, trattamento fiscale al 5% e ristorni assicurati ai Comuni di confine

Con la stabilizzazione del trattamento fiscale, al 5% sui redditi da lavoro percepiti in Svizzera e il riconoscimento dei ristorni per i Comuni di residenza entro i 20 chilometri dal confine di Stato con la Svizzera, ratificati nella seduta del Consiglio dei ministri di venerdì 25, si sono sciolti dei nodi al pettine dei rapporti transfrontalieri da tempo in attesa di soluzione.

“Per questo – spiega il senatore Enrico Borghi ai giornalisti invitati nella sede del Pd – ho ritenuto mio dovere fornire, tramite i media locali, una doverosa informativa a quanti, lavoratori ed enti locali, attendevano da tempo delle risposte”.

“Riconosco volentieri al Governo in carica – prosegue – il merito di aver sbloccato la situazione e spero che si riconosca anche il lavoro fatto in Parlamento da me ed altri colleghi del Pd nella passata legislatura. L’accordo riprende la pre intesa concordata tra le autorità dei due Paesi. La normativa fiscale è retrodatata al 2020. Per il Vco, i 20 chilometri dal confine includono gran parte della Provincia, rimanendo esclusa solo la bassa Ossola e il Cusio. L’accordo che regolamenta il flusso delle risorse ai territori di residenza vale fino al 2044 con un aumento progressivo di anno in anno fino alla completa entrata a regime del nuovo sistema”.




Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore