/ Business

Business | 22 febbraio 2023, 15:00

Zamaz rileva Dario's e la holding di Baravalle ne diventa azionista

Piano industriale da 80 milioni per l’agroalimentare italiano

Luca Baravalle

Luca Baravalle

Bella Dispensa Srl, un importante operatore nel settore e-commerce di prodotti “made in Italy”, controllata da Zamaz PLC - azienda quotata allo Standard List della Borsa di Londra – ha rilevato il 100% del gruppo agroalimentare Dario’s, ora divenuto Dallatte srl, prima in capo direttamente alla holding della famiglia Baravalle.

L’operazione, assistita dagli studi professionali Innovative Finance e Livolsi & Partners di Milano, si inserisce nell'ambito della strategia di aggregazione e sviluppo di realtà affermate nel campo dell'eccellenza enogastronomica della londinese Zamaz Plc e mette in evidenza come l’agroalimentare italiano si dimostri ancora una volta un settore dal grande appeal per investitori nazionali e internazionali.

Zamaz Plc, capitalizza oltre 78 milioni di sterline ed è stata quotata a settembre 2022 attraverso direct listing sul mercato principale inglese. 

Dopo aver rilevato Bella Dispensa Srl, Zamaz Plc ha ora anche acquisito  Dallatte srl, società piemontese in forte espansione nell’agroalimentare, il cui precedente nome, Dario’s, aveva trovato ispirazione nella figura di Dario Osella e che con Luca Baravalle, fondatore e a guida del brand, ha contribuito a portare i prodotti piemontesi tra le “eccellenze italiane”: il gelato e la pasticceria innanzitutto, oltre ad altri prodotti tradizionali, come  latte,  burro,  panna da pasticceria e da cucina, pasticceria fresca e secca, la pasta ripiena surgelata, oltre ai retails monomarca.

Con questa acquisizione,  Zamaz Plc, veicolata da Bella Dispensa Srl, oltre ai clienti della grande distribuzione italiana ed estera, dal Messico alla Cina, mette in pancia anche il portafoglio di brands storici, alcuni dei quali già utilizzati in passato da Fattorie Osella e dal gruppo Kraft Foods (oggi Mondelēz International) come  Il latte delle FattorieIl burro delle FattorieLa pasta delle FattorieGolosellaLeggerezzeDario’s, il gelato con l’apostrofo e lo stesso brand Dallatte.

Dunque, entrando nell’azionariato del fondo Zamaz, la BRV Holding S.r.l., che fa capo alla famiglia di imprenditori piemontesi Baravalle, permetterà al suo Presidente, Luca Baravalle, di continuare a investire nel settore delle eccellenze gastronomiche italiane.

“Questa operazione rafforzerà l’immagine e il ruolo del settore agroalimentare italiano ed in particolare di quello piemontese, in tutto il mondo.  Il nuovo progetto che ha preso vita grazie alla società di Investimenti Maximum Return System LLP (primo azionista di Zamaz con oltre il 65%) , condiviso e sostenuto dalla mia famiglia, darà un nuovo impulso a tutto il gruppo e di questo non posso che ritenermi orgoglioso”, dichiara Luca Baravalle.

“Uno degli elementi più importanti nella riuscita di questo accordo è stato sicuramente il grande feeling tra il mio gruppo e gli azionisti Zamaz, in una piena condivisione degli obiettivi e degli intenti che ha alla sua base una forte attenzione nei confronti della salute del nostro pianeta, in un ottica il più possibile rispettosa dell’ambiente in cui viviamo”, continua Baravalle e conclude: “oggi non si può avviare alcun business senza porre attenzione all’ecologia, soprattutto quando si opera nell’agroalimentare: la produzione deve diventare sempre più eco-sostenibile, impegnandosi eticamente nella gestione degli allevamenti, delle coltivazioni e della remunerazione di tutta la filiera agricola.”

Zamaz Plc, attraverso Bella Dispensa Srl, si prepara ad un cospicuo piano di investimenti per diventare in pochi anni un punto di riferimento per lo sviluppo  dell’agroalimentare italiano d’eccellenza.

cs

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore