/ Sport

Sport | 02 ottobre 2023, 08:00

Rugby. Lugano, netta sconfitta contro l'Yverdon

I ticinesi cedono per 7-59

Rugby. Lugano, netta sconfitta contro l'Yverdon

E' bastato meno di un minuto perché Yverdon segnasse la prima meta e meno di un tempo per aver già raggiunto il bonus offensivo per un finale 7-59 che la dice tutta sulla supremazia degli ospiti.

Una bella squadra quella di Yverdon, fisica, atletica e con un bel gioco, veloce nei punti di incontro e molto organizzata. Cosa poteva fare Lugano? A dir la verità ben poco, il rugby è uno sport crudo e quando il gap è così ampio c’è poco da fare e da dire. Non è uno sport, il nostro, dove si può giocare in difesa e tentare di limitare i danni e soprattutto il rispetto per l’avversario vuole che si segnino più punti possibile e questo hanno fatto i valdesi.

Detto ciò, i bianconeri qualcosa in più potevano farlo, l’approccio al match e agli allenamenti non è da squadra di LNA e se pensiamo che qualcuno sostiene che tra una Lega e l’altra ci siano trenta punti di differenza è facile collocare dove siano ora, simbolicamente, i ticinesi.

Pochi i giocatori a disposizione dello staff bianconero e si sta rivelando penalizzante l’obbligo di avere un secondo team  che costringe a far giocare la seconda squadra con quindici giocatori, a farne le spese Scarfò, infortunatosi nel match precedente e non disponibile per la partita successiva e Minisini che ha chiesto il cambio per problemi fisici. All’ultimo momento il forfait di Gianini, bloccato alla schiena la mattina, di Vettorel per un problema familiare e le indisponibilità di Zuger e Rastelli per lavoro, nomi che avrebbero riempito la panchina di Lugano e dato respiro ai quindici in campo.

Il campionato è lungo, c’è tempo per riprendersi e non bisogna scoraggiarsi, quello che però sembra non essere passato, è che occorre il doppio dell’impegno rispetto all’anno precedente e disponibilità totale alla squadra e al club per il periodo del campionato, altre strade, almeno a Lugano, differentemente da Yverdon, non sono percorribili.

Anche il match della seconda squadra è stato largamente vinto da Yverdon nonostante un buon primo tempo di Lugano. Crollati poi nella seconda frazione di gioco, dove i bianconeri hanno subito cinquanta punti in quaranta minuti.

Sabato altro match duro per entrambe le formazioni luganesi, si va a Ginevra, sponda GPLO, contro l’attuale prima della classe. Un plauso, in ultimo, agli arbitri, gentilmente inviati dalla Federazione Rugby italiana, in entrambe le partite i migliori in campo.

cs

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore