/ Canton Ticino

Canton Ticino | 05 febbraio 2024, 14:31

Porto Valtravaglia e il Canton Ticino sotto shock per la tragica scomparsa di Carlo Petrolo: «Uomo di talento, curava le piante come fossero sue figlie»

L'imprenditore di 52 anni del settore del legno dell'azienda Boratt di Astano nel Luganese, è deceduto domenica pomeriggio, schiacciato dal trattore mentre stava effettuando dei lavori agricoli nella frazione di Ligurno a Porto dov'era molto conosciuto: «Il suo non era un lavoro ma una grande passione»

Carlo Petrolo in una foto da Facebook

Carlo Petrolo in una foto da Facebook

Porto Valtravaglia e il Canton Ticino sono sotto shock per la tragica morte, avvenuta domenica, di Carlo Petrolo (LEGGI QUI e QUI). L'imprenditore del settore del legno dell'azienda ticinese Boratt di Astano nel Luganese stava svolgendo alcuni lavori agricoli nella frazione di Ligurno a Porto quando improvvisamente il trattore che stava guidando si è ribaltato schiacciandolo. 

A nulla purtroppo sono valsi i tentativi messi in atto dai soccorritori e la corsa disperata all'ospedale di Luino: troppo gravi le ferite riportate dal 52enne nell'incidente.

Petrolo e la sua famiglia sono molto conosciuti a Porto Valtravaglia, anche se l'imprenditore viveva e lavorava in svizzera nell'azienda di famiglia specializzata nella lavorazione del legno e in particolare nelle segherie mobili. 

Il 52enne era nativo di Porto Valtravaglia e la sua famiglia è molto conosciuta su tutto il territorio per la sua attività industriale: il padre è stato per molti anni sindaco di Brezzo di Bedero.

Tantissimi i messaggi di cordoglio e di incredulità che stanno giungendo in questo ore ai famigliari, sia dal Varesotto che oltre confine. 

Anche l'ex vicesindaco di Varese e agronomo Daniele Zanzi ha voluto esprimere sui social tutta la sua partecipazione: «Profondo cordoglio per un uomo di talento e di visioni. Condoglianze sincere alla famiglia». 

«Il mio maestro segantino, rimarrai sempre nel mio cuore - ha scritto un altro amico - era una persona veramente speciale, il suo non era solo un lavoro era la sua grande passione, i suoi progetti erano visioni sagge e lungimiranti». 

«Carlo sarai indimenticabile - si legge in un altro messaggio - ci hai portato idee e concretezza. Due cose in una, non sempre è così. Sei stato un maestro. una persona sempre attenta a curare le piante come fossero dei figli». 

M. Fon.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore