/ Business

Business | 19 aprile 2024, 09:06

Cresce il fatturato delle borse Visonà

Ha chiuso il 2023 con un giro d’affari di 5,5 milioni di euro, frutto di un periodo particolarmente positivo in cui la gente ha ricominciato a puntare sull’alta qualità, sul design, sulla bellezza che la moda offre.

Cresce il fatturato delle borse Visonà

Ha chiuso il 2023 con un giro d’affari di 5,5 milioni di euro, frutto di un periodo particolarmente positivo in cui la gente ha ricominciato a puntare sull’alta qualità, sul design, sulla bellezza che la moda offre. Alla Plinio Visonà, azienda vicentina che realizza borse di alto livello, lavorate a mano con metodologia artigianale, borse che trasmettono emozioni per forma, colori, materiali usati e che da poco ha lanciato una borsa completamente in nylon riciclato, è sempre più richiesta l’iconica Linda, la borsa che più d’ogni altra ha scatenato la simpatia e la curiosità delle donne. Ispirata a Linda Christian, l’attrice messicana-statunitense sposata a Tyrone Power, è stata sin dalla sua creazione un accessorio richiesto in mezzo mondo e la sua iconicità è rimasta tale nel tempo. 

Visonà, che produce circa centomila borse all’anno, proponendo 120 modelli alcuni dei quali sono reinterpretazioni di creazioni passate, è l’unica azienda del settore che propone la “cucitura selleria”, segno distintivo che caratterizza tutte le sue collezioni. La cucitura è un brevetto e trademark depositato e dona l’allure di artigianalità e forte carattere a tute le borse Visonà. L’azienda propone anche portafogli, cinture, accessori di complemento e guarda al futuro puntando ancor più sull’export dove il Made in Italy, in particolare nella moda, è un valore aggiunto.

Giorgio Naccari

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore