/ Canton Ticino

Canton Ticino | 30 novembre 2021, 09:00

Covid 19: la vaccinazione di richiamo per tutti aumenta la protezione e frena la diffusione del virus

In Svizzera il vaccino è raccomandato anche alle persone con meno di 65 anni. A oggi la dose di richiamo è stata somministrata a più di 350.000 persone fra Over 65 anni e persone particolarmente a rischio più giovani che corrono un altissimo rischio di ammalarsi in modo grave

Covid 19: la vaccinazione di richiamo per tutti aumenta la protezione e frena la diffusione del virus

Considerati la situazione epidemiologica e il numero di casi in rapido aumento, la Commissione federale per le vaccinazioni e l’ Ufficio federale della sanità pubblica raccomandano che tutte le persone dai 16 anni in su possano accedere alla vaccinazione di richiamo. Le raccomandazioni di vaccinazione sono state ampliate di conseguenza. La cosiddetta vaccinazione booster dovrebbe essere somministrata al più presto sei mesi dopo la vaccinazione completa.

Finora la vaccinazione di richiamo era raccomandata in primo luogo alle persone con più di 65 anni e a quelle più giovani con malattie gravi preesistenti, poiché la loro protezione vaccinale da decorsi gravi diminuisce progressivamente e in caso di contagio il rischio che si ammalino in modo grave o debbano essere ospedalizzati aumenta. Per queste fasce d’età e per i professionisti della salute particolarmente esposti i Cantoni hanno già avviato la somministrazione delle vaccinazioni di richiamo. Per il momento sono state vaccinate più di 350 000 persone. Nella maggior parte dei Cantoni, le persone anziane che lo desiderano otterranno la vaccinazione di richiamo entro fine anno. Questa categoria di persone deve inoltre continuare a beneficiare di un accesso prioritario alla vaccinazione di richiamo. Sono circa 1,2 milioni le persone con più di 65 anni a cui è stata somministrata la vaccinazione completa sei mesi fa e per le quali una vaccinazione di richiamo dovrebbe essere data in novembre o dicembre, se possibile.

Protezione dalla trasmissione

Sei mesi dopo la vaccinazione completa, le persone con meno di 65 anni continuano a essere ben protette contro le forme gravi della malattia. I dati scientifici mostrano però che la protezione da un’infezione e da forme lievi della malattia diminuisce anche per loro. Nella maggior parte dei casi, le persone più giovani che si contagiano nonostante la vaccinazione sono asintomatiche o manifestano piuttosto sintomi lievi ed è raro che si ammalino gravemente. Possono tuttavia trasmettere il virus, anche se in misura minore rispetto ai non vaccinati.

Per ridurre il più possibile la trasmissione del virus, la Commissione federale per le vaccinazioni e l’ Ufficio federale della sanità pubblica raccomandano a tutte le persone dai 16 anni in su una vaccinazione di richiamo perché può contribuire a ridurre il numero di infezioni e quindi la diffusione del virus, nonché a impedire il sovraccarico del sistema sanitario.

Vaccinazioni di richiamo per tutti

Estendendo la vaccinazione di richiamo a tutti i giovani dall’età di 16 anni e gli adulti nella situazione epidemica attuale, la raccomandazione dell’ Ufficio federale della sanità pubblica e della Commissione federale per le vaccinazioni persegue l’obiettivo di contribuire a evitare il sovraccarico del sistema sanitario. La raccomandazione si basa sull’estensione dell’omologazione da parte di Swissmedic, che ha omologato i due vaccini a mRNA per la vaccinazione di richiamo (con Pfizer per persone a partire dai 16 anni e con Moderna a partire dai 18).

Alle persone al di sotto dei 30 anni è raccomandata preferibilmente la vaccinazione di richiamo con il vaccino di Pfizer, a prescindere dal vaccino utilizzato per l’immunizzazione di base. In linea di principio, nei limiti del possibile va somministrato lo stesso vaccino a mRNA utilizzato per l’immunizzazione di base. Se quest’ultimo non è disponibile in loco può essere impiegato anche l’altro vaccino a mRNA.

Le raccomandazioni di vaccinazione dettagliate saranno pubblicate oggi, 26 novembre 2021. I Cantoni decidono e comunicano da quando le persone aventi diritto possono prendere appuntamento. La transizione tra la vaccinazione di richiamo delle persone con più di 65 anni e quella delle persone con meno di 65 anni avviene in modo fluido.

L’immunizzazione di base resta fondamentale

Per uscire dalla pandemia di COVID-19 resta determinante la vaccinazione delle persone non ancora vaccinate.

La Svizzera dispone di quantità di vaccino sufficienti di entrambi i prodotti mRNA per offrire, nel 2021 e nel 2022, una vaccinazione a tutti coloro ai quali è raccomandata una vaccinazione di richiamo e a tutti coloro che ancora non si sono fatti vaccinare.

R.G.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore