/ Eventi

Eventi | 29 maggio 2023, 12:00

Blues to Bop ritorna a Lugano

Dal 25 al 27 agosto l'evento con un programma di rilievo e ospiti internazionali

Foto Nicola Demaldi

Foto Nicola Demaldi

Dal 25 al 27 agosto Blues to Bop ritorna finalmente a Lugano con un programma di rilievo e ospiti internazionali. Un’edizione in cui si presentano musicisti unici sia dalla vicina Italia sia dagli Stati Uniti e dal nord Africa, in un viaggio musicale che rappresenta un abbraccio tra i popoli.

La 33ma edizione del più longevo festival di Blues della Svizzera celebrerà la storia della musica blues con tre giorni di concerti gratuiti e approfondimenti. Un’edizione in cui si presentano musicisti unici sia dalla vicina Italia sia dagli Stati Uniti e dal nord Africa, in un viaggio musicale che rappresenta un abbraccio tra i popoli. Il programma di questa edizione è frutto del lavoro congiunto di Ed Bersier, profondo conoscitore del mondo della musica blues e collaboratore storico di Blues to Bop, e di Filippo Corbella, programmatore musicale della Divisione eventi e congressi della Città di Lugano.

I 13 ospiti internazionali si alterneranno sui palchi delle piazze cittadine, cimentandosi in performance di tutti i registri del genere:

Baba Sissoko & Mediterranean Blues Elli De Mon Eugenio Finardi ANIMA BLUES the classics Keith Johnson “The Prince of the Delta Blues” King Solomon Hicks Lovesick Duo feat. Alessandro Cosentino Marco Marchi & Mojo Stompers Mauro L. Porro’s Hot Gravel Eskimos Shemekia Copeland Sugar Blue The True Believers The War And Treaty Treves Blues Band

Le piazze In un clima informale e festoso in pieno stile Blues to Bop, gli artisti si esibiranno su tre diversi palchi allestiti in città. L’anfiteatro di Piazza Cioccaro, che abbraccia il pubblico in un clima intimo nel cuore del centro storico; Piazza della Riforma che rappresenta la grande festa collettiva per antonomasia e infine, novità di quest’edizione, la bellissima Rivetta Tell sul lungolago.

Blues to Bop School Blues to Bop significa anche approfondimento e riflessione sulle caratteristiche della musica blues e sui messaggi che da sempre veicola. Alcuni degli artisti ospiti della 33ma edizione saranno protagonisti nelle giornate di sabato e domenica con incontri e lezioni di musica e storia del blues rivolti a tutti. Tutti gli incontri si svolgono presso la Darsena del Parco Ciani e sono tradotti in italiano. L’ingresso è gratuito.

Gli artisti 2023

Le bio in breve Baba Sissoko & Mediterranean Blues Baba Sissoko, signore della pentatonica maliana, griot e figura di una ragguardevole imponenza che guida un ensemble di grande potenza, satura ogni spazio in un unico flusso che parte dall'amadran maliano e trova echi nel reggae, nel jazz, nel rock stratificato e poliritmico. Ci raccontano che il Mali fu cuore pulsante delle vie carovaniere e culturali del Nord Africa, la cellula germinatrice del blues, e ci accompagnano, con le melodie ed i ritmi della tradizione musicale Afro e le sonorità mediterranee, in un inedito e originale risultato musicale.

Elli De Mon Elli De Mon è chitarre, grancassa, rullante, sonagli, suoni saturi e psichedelia indiana. Attingendo a piene mani dalla tradizione sciamanica di lontani incantatori come Bessie Smith, Fred McDowell e Son House, Elli combatte i suoi demoni con lo strumento a lei più congeniale: la musica. Un blues nuovo, fatto di slide selvaggi e contaminato da infuenze punk e dalla musica indiana, il suo grande amore.

Eugenio Finardi. Anima Blues The Classics A vent’anni dall’esordio di “Anima Blues”, Eugenio Finardi torna alla sua grande passione con un concerto che, oltre ai brani originali, rende omaggio ai grandi classici della “Musica del Diavolo” rivisitati dalla sua straordinaria voce, roca, dolce e brumosa come un brandy d’annata. Ad accompagnarlo Vince Vallicelli (batteria), Giovanni Maggiore (chitarra) e amici, per una serata di blues contemporaneo, alternativo e tradizionale.

Keith Johnson “The Prince of the Delta Blues” Con il suono ruggente della sua armonica e quello fulmineo della sua chitarra, Keith Johnson è uno dei nuovi ed entusiasmanti artisti blues del Delta del Mississippi. Keith Johnson ha anche un'eredità familiare di blues che continua a costruire, essendo anche il pronipote di McKinley Morganfield, meglio conosciuto come Muddy Waters. Keith è accompagnato sul palco dalla Big Muddy Band.

King Solomon Hicks Cresciuto ad Harlem circondato da un sacco di grandi musicisti, King Solomon Hicks inizia a suonare la chitarra a sei anni e calca il palco dell’iconico Cotton Club a tredici. Nel 2018 pubblica “Harlem”, un omaggio in 11 canzoni alle sue radici che ha trasformato nel corso degli anni grazie a un personale stile feroce e distintivo. Il disco, prodotto dal pluripremiato Kirk Yano (Miles Davis, Public Enemy, Mariah Carey), mette in mostra Hicks come autore, esecutore e interprete.

Lovesick Duo feat. Alessandro Cosentino Band italiana composta da due musicisti bolognesi, entrambi polistrumentisti, le cui influenze sono profondamente radicate nel country americano, nel rock'n'roll e nella musica swing occidentale degli anni '40 e '50. Oltre alle loro armonie vocali, Paolo Roberto Pianezza suona la chitarra elettrica e acustica, oltre a lap steel, resonator e dobro a manico singolo e doppio. Francesca Alinovi suona il contrabbasso con l'aggiunta di un brush pad, una percussione incorporata nel contrabbasso per tenere il ritmo con una spazzola di batteria.

Marco Marchi & Mojo Stompers Quartetto blues acustico formato da Marco Marchi (chitarra, voce), Danilo Moccia (trombone), Fabio Bianchi (basso elettrico, tuba), Oscar Trabucchi (batteria), musicisti di grande esperienza che si sono ritagliati una nicchia nella scena blues europea eseguendo un repertorio di blues, ragtime, early jazz e boogie dagli anni ’20 agli anni ‘50. Le loro canzoni sono interpretate assimilando l'energia originale e suonando con passione e autenticità. Il risultato: una miscela coinvolgente di suoni pieni di pathos del passato, che è valsa lo Swiss Blues Award nel 2022.

Mauro L. Porro’s Hot Gravel Eskimos Polistrumentista e arrangiatore, Mauro Porro è una istituzione nel settore italiano della musica jazz dal 1920 al 1940. Con gli Hot Gravel Eskimos, fa scoprire il piacere della tradizione jazzistica per mezzo dell’esecuzione di un repertorio musicale di brani dell’era dello Swing, attraverso l’uso di strumentazione d’epoca, orchestrazioni fedelmente riprodotte dagli antichi dischi a 78 giri, e l’impiego di look ispirati alle mode dell’epoca.

Shemekia Copeland Pluripremiata cantante blues, soul e americana, Shemekia Copeland possiede una delle voci più immediatamente riconoscibili e profondamente soul della musica roots del nostro tempo. La Copeland - vincitrice del Blues Music Award 2021 come B.B. King Entertainer Of The Year - si connette con il suo pubblico a un livello intensamente personale. Il suo ultimo album, “Done Come Too Far” (2022), prosegue nel racconto della sua visione di passato, presente e futuro dell’America, iniziata con gli album “America’s Child” (2018) e “Uncivil War” (2020).

Sugar Blue Nato e cresciuto a New York, il genio dell'armonica Sugar Blue ha iniziato la sua carriera come musicista di strada, è cresciuto ascoltando i grandi del jazz. Sugar Blue utilizza sorprendenti esecuzioni ad alto registro, respiri circolari ed effetti elettronici sulle sue armoniche, fondendoli nel suo stile unico, visionario e singolare, tecnicamente abbagliante e allo stesso tempo pieno di anima. Vincitore di un Grammy, è stato definito il Jimi Hendrix dell'armonica: ha suonato e registrato con Willie Dixon, Prince, Rolling Stones, Stan Getz, Bob Dylan.

The True Believers Capeggiati dal cantante, musicista, cantautore e chitarrista americano Castro Coleman - anche noto come Mr. Sipp – i The True Believers cantano il buon e genuino gospel di tutte le domeniche nel Mississippi. Insieme a William West, Alan Flanagan, Treion Burn, Jamal e Lawrence Bester, forma un quintetto che fonde perfettamente gli stili di canto tradizionali e contemporanei.

The War and Treaty The War and Treaty è il duo d’avanguardia composta da marito e moglie di Nashville Michael Trotter Jr. e Tanya Trotter. Emersi come una delle novità più elettrizzanti della musica americana, grazie a una miscela sonora ruggente e insieme tenera, The War and Treaty coprono un'ampia gamma di palette musicali. Con l’ultimo album, “Lover’s Game” uscito nel marzo 2023 ampliano il proprio sound che attraversa l'intera tradizione della musica del Sud.

Treves Blues Band Leggendaria band italo-blues nata nel 1974, capitanata dall’armonicista Fabio Treves. Con la band, composta da Ale Gariazzo (chitarre, voce), Massimo Serra (batteria, percussioni), e Gabriele Dellepiane (basso), Fabio Treves offre un viaggio nella storia di questa musica, dai primi canti di lavoro a quello arcaico e campagnolo, dal blues elettrico di Chicago a quello più moderno.  

cs

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore