/ Politica

Politica | 04 marzo 2024, 18:24

I Comuni di Frontiera scrivono ai parlamentari del territorio: «Non ci possono essere frontalieri di seria A e di serie B»

Il presidente dell'associazione e sindaco di Lavena Ponte Tresa Mastromarino invierà ai 518 Comuni di confine con la Svizzera una proposta di ordine del giorno da inviare al Governo «perché venga stralciata la "tassa sulla salute", che è ingiusta e in contrasto con il nuovo accordo fiscale. Si convochi al più presto la Commissione Mista»

I Comuni di Frontiera scrivono ai parlamentari del territorio: «Non ci possono essere frontalieri di seria A e di serie B»

Nell’incontro di sabato 24 febbraio che si è svolto a Lavena Ponte Tresa, il sindaco e presidente dell'associazione dei Comuni di Frontiera Massimo Mastromarino si è impegnato a scrivere  ai parlamentari eletti nelle zone  di frontiera perché richiedano in Parlamento, la convocazione della Commissione Mista prevista dall’art. 6 dell’accordo fiscale I-CH per dirimere le questioni interpretative sorte sul riconoscimento dello status di “vecchio frontaliere“ per quei lavoratori residenti nei Comuni di frontiera non riconosciuti negli elenchi predisposti dai Cantoni Ticino, Grigioni e Vallese, ma ricompresi in quello redatto dall’Istituto Geografico Militare per l’Italia.

«Non ci possono essere frontalieri di serie A e frontalieri di serie B» commenta Mastromarino che ha deciso di intraprendere un'altra iniziativa.

Nei prossimi giorni, verrà inviata ai 518 Comuni di Frontiera una proposta di ordine del giorno da approvare in consiglio comunale e inviare al Governo con la richiesta di stralciare la “Tassa sulla Salute”, «una tassa ingiusta e in contrasto con il nuovo accordo fiscale» sottolinea il presidente dell'associazione. 

Di seguito il testo della lettera firmata da Mastromarino e inviata ai parlamentari eletti nelle zone di frontiera:

«Il nuovo Accordo tra Italia e Svizzera relativo alla imposizione fiscale dei lavoratori frontalieri, all’articolo 9 prevede il regime transitorio per i lavoratori che al momento della entrata in vigore dell’Accordo o tra il 31 dicembre 2018 e il 17 luglio 2023 hanno svolto attività di lavoro dipendente nell’area di frontiera in Svizzera, e che restano imponibili soltanto nella Confederazione Elvetica.

​Il 22 dicembre 2023, Italia e Svizzera hanno siglato un accordo amichevole che definisce con precisione l’elenco dei comuni Italiani (518) e Svizzeri di confine, che ai sensi dell’articolo 2 del nuovo Accordo fiscale, includono le località poste entro i 20 km dal confine tra i 2 Stati ove risiedono i lavoratori frontalieri beneficiari del regime transitorio sopra richiamato.

Tuttavia, i 3 Cantoni Ticino, Grigioni e Vallese, hanno inteso nelle direttive applicative dell’Accordo, considerare “vecchi frontalieri” beneficiari del regime transitorio, solo quelli residenti nei Comuni italiani presenti nelle liste unilateralmente compilate a partire dal 1974, anno di stipulata del precedente accordo fiscale.

In questo modo i “vecchi frontalieri” residenti in 71 comuni arbitrariamente non presenti in questi elenchi non vedono riconosciuto dalle autorità cantonali il beneficio del regime transitorio di tassazione unicamente in Svizzera. ​E’ una evidente forzatura interpretativa, a svantaggio di molti frontalieri italiani, che impone una soluzione sul piano politico.

​Per questo motivo, alla luce di quanto fin qui esposto, Ti chiediamo di impegnare il Governo a richiedere al più presto la convocazione della “Commissione mista”, prevista dall’art. 6 paragrafi 1 e 2 del nuovo Accordo al fine di “risolvere per via di amichevole composizione qualsiasi questione inerente all’interpretazione o all’applicazione del presente Accordo».

Colgo l’occasione per inviarTi i più cordiali saluti.

​​Il Sindaco e Presidente

​Associazione Comuni Italiani di Frontiera

M. Fon.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore